Prete tenta di camminare sulle acque e muore

Nel 2006, un giovane pastore è annegato tentando di imitare Gesù camminando sulle acque del fiume Komo, in Gabon. L'uomo, appartenente alla chiesa pentecostale, aveva deciso di attraversare il fiume dopo aver avuto una rivelazione, nella quale gli veniva concesso di raggiungere Pointe Denis, un sito normalmente raggiungibile in pochi minuti di barca. Le comunità pentecostali si sono diffuse molto negli ultimi anni, spesso gli esponenti dicono ai loro fedeli che tramite la fede possono avere successo e salute, in alcuni casi affermano anche di poter compiere miracoli e curare malattie gravi, come il cancro o l'AIDS, lo stesso pastore annegato aveva promesso delle guarigioni ai fedeli che lo seguivano. Questa vicenda non fa certamente parte della norma, la maggior parte degli esponenti religiosi non si sognerebbe mai di camminare sulle acque, ma questi esempi estremi ci fanno comprendere quanto la fede possa alterare il giudizio critico di una persona. Forse qualcuno troverà divertente una storia del genere, ma in realtà si tratta di una tragedia, verificatasi a causa di una grande ignoranza mista a disperazione, bisognerebbe dunque chiedersi come una persona possa arrivare a compiere certi gesti folli. « Il prete è l'assassino dell'anima poiché in tutti i tempi egli ha fomentato l'ignoranza, e perseguito la scienza.» (Giuseppe Garibaldi)

Scrittore e Blogger UAER

Scrivi commento

Commenti: 0